Indagini Biospeleologiche nel Comune di Rosello (CH)

Da tempo nel Comune di Rosello (CH) si conoscono delle piccole grotte, non ancora censite, che iniziano ad essere studiate dal Centro Studi CARS. Se pur di piccole dimensioni queste cavità si sono rivelate interessanti dal punto di vista biospeleologico.

Gli studi continueranno in tutto il territorio estendendosi anche nell’alto Molise, che si rivela interessantissimo in quanto si hanno pochi dati scientifici sia sulla fauna cavernicola che di indagini speleologiche approfondite.

In questa pagina vengono mostrate le prime foto di questi animali ipogei osservati. Le specie sono in fase di determinazione, anche se in molti casi si è certi della specie, si è preferito nominare solo il genere, in attesa di esami più specifici di specialisti.

Orthoptera, Rhaphidophoridae, Dolicopoda

Diptera, Limnobiidae

Isopoda, Oniscus

Formicidae, Chthonolasius

Aracnida, Aranea, Metidae, Meta

Gasteropoda, Stylommatophora, Zonitidae, Oxychilus

Dolicopoda sp. - E’ uno degli invertebrati che più si notano nell’ambiente cavernicolo, sia per la loro grandezza che per il numero di individui presenti. In genere osservabili all’ingresso delle grotte e cavità artificiali, si nutre di elementi della fauna parietale e cadaveri di artropodi.

Orthoptera, Gryllomorphinae

Gryllomorpha dalmatina Ocskay 1832. - Questo ortottero si trova spesso nelle cantine ed altri luoghi umidi. Come il Dolicopoda essa e priva di ali.

Limonia nubeculosa Meigen, 1804. - Zanzara subtroglolfila innocua, si trova frequentemente in tutte le cavità naturali e artificiali sulle pareti dove trascorrono le ore diurne.

Oniscus sp. - Il cosidetto porcellino di Sant’ Antonio. Anche se non è un frequentatore assiduo delle grotte, questa  specie predilige luoghi umidi e quindi in presenza di una cavità trova l’ambiente adatto in cui vivere.

Chthonolasius sp. - Non esistono formiche troglobe, in questo caso si tratta di formiche endogee. Raramente li vediamo all’esterno, ma solo se si sollevano grossi sassi ecc.. Interessante è stato ritrovare questa specie lontano dall’ingresso della grotta.  Nella foto mentre predano un Dolicopoda.

Meta menardi Laitreille, 1804 - E’ il ragno più grande che frequenta le cavità e grotte, risulta essere comune, trovandosi presso l’ingresso è in alcuni casi anche a diversi metri di profondità.

Aracnida, Aranea

Specie in via di determinazione.

Aracnida, Aranea

Specie in via di determinazione.

Oxychilus sp. - Gasteropode cavernicolo che si nutre di insetti morti e spesso preda anche lepidotteri vivi durante l’ibernazione cavernicola.


  © 2009 - Centro Appenninico Ricerche Sotterranee